AI MARKETING

Data ultimo aggiornamento post: Giugno 20, 2024

Vuoi sapere cosa è l’ai marketing? ok ma… ti ricordi, per caso, com’era prima? Beh, sì, prima dell’AI, dell’Intelligenza Artificiale, cioè 🤔! Ma come si faceva prima?! Diciamo la verità, che un po’ ci stiamo abituando a questo potente strumento… sempre che chiaramente lo si sappia utilizzare bene e al meglio delle sue potenzialità. E non è poi tanto scontato: c’è voluto del tempo per capire infatti come esattamente utilizzare chatgpt e puoi approfondire qui per scoprire quali sono oggi i più efficaci tool di Open ai.

AI MARKETING

Ma a parte i tool di AI, e ne esistono di tanti, una cosa è certa: l’intelligenza artificiale sta cambiando gradualmente tutto nella nostra vita e ovviamente il marketing non poteva rimanere al di fuori di questa rivoluzione epocale. Per questo sono nati anche diversi neologismi e concetti correlati all’intelligenza artificiale e tra questi spicca quello di “AI Marketing”. Ma cosa si intende esattamente con questa espressione? E in che modo può rivoluzionare le strategie di marketing delle aziende? Ne parliamo qui 👇🏻.

Definizione di AI Marketing

Se lo traduciamo letteralmente, l’AI Marketing è l’uso dell’intelligenza artificiale applicata nelle strategie di marketing così da migliorare l’efficacia e l’efficienza delle campagne. Grazie ai suoi algoritmi e ai modelli di machine learning può analizzare grandi quantità di dati, prevedere comportamenti dei consumatori, personalizzare contenuti e messaggi, automatizzare processi e ottimizzare le decisioni di marketing. Cosa, cosa 😃?! Quindi vuol dire che, ad esempio, è possibile inviare email personalizzate, che generano tassi di apertura e conversione maggiori, perché grazie all’AI è possibile sapere con più puntualità ed esattezza cosa piace di più al mio target? O anche analizzare le performance degli annunci pubblicitari e suggerire modifiche in tempo reale così da migliorare il ritorno sull’investimento? Risposta esatta 😁!

Con l’utilizzo dei programmi dell’AI, le aziende o i professionisti possono raccogliere feedback e informazioni preziose su cui poi prendere decisioni consapevoli e informate.

Che sensazione provi? Beh, sicuramente la stessa che io e Marco abbiamo sperimentato quando abbiamo immaginato l’AI come un’estensione virtuale del “nostro cervello”, anzi un super cervello digitale, in grado di darti la soluzione migliore, dopo avere elaborato miliardi e miliardi di dati, tra l’altro in pochissimi secondi. Insomma, una sorta di genio della lampada moderno 🧞😁.

Come Funziona l’AI Marketing?

Tutto parte dall’allenamento… e sì, perché anche un “cervello digitale” deve fare training! E la base dell’addestramento sono i dati, enormi quantità di informazioni, presi dal web, il che consente loro di acquisire praticamente una conoscenza approfondita su tutto! Un esempio? Per un nostro Cliente, uno studio legale, noi abbiamo chiesto a Chat GPT, tramite specifici query e prompt, di fornire consigli e informazioni su alcune strategie di marketing ideali per il settore. Sai quale è stato il risultato? Certamente non la strategia, no… per quella ci devi mettere tu la testa, ma se vuoi puoi leggere il nostro blog specifico su come fare marketing con l’AI in alcuni settori aziendali e professionali. Ma torniamo al nostro Cliente dello studio legale: ebbene il software di content AI più famoso al mondo, non solo ci ha dato spunti importanti e preziosi sul marketing in generale, ma ha presentato soluzioni e consigli mirati e concreti per le strategie di uno studio legale.

È come avere un consulente esperto in ogni settore, sempre disponibile, che può suggerirti la strategia giusta al momento giusto. Figo, no 😆?

Per rendere questo concetto ancora più chiaro, pensiamo all’AI come ad un allenatore di calcio, che non solo conosce il gioco, ma conosce anche i punti di forza e di debolezza di ogni giocatore, permettendo così di creare una strategia su misura per ogni partita. Allo stesso modo, l’AI analizza i dati e crea strategie di marketing personalizzate per ogni azienda o per ciascun professionista!

Vantaggi dell’AI Marketing

Da quanto detto sino ad ora, l’AI marketing non solo rende le attività di aziende e professionisti più efficienti, ma offre anche una personalizzazione avanzata che può portare engagement 🦾🤭!

Efficienza e Automazione

Quanto tempo impieghi per creare una campagna di marketing? Beh, io e Marco (è successo) per alcuni Clienti da noi seguiti fino a qualche tempo fa abbiamo impiegato ore e ore, se non addirittura giorni e giorni, per strutturare, impostare e seguire una campagna manuale 🥱😮‍💨. Ma grazie all’AI, molte di queste attività possono essere automatizzate.

Gli strumenti di AI possono generare contenuti, ottimizzare annunci pubblicitari e gestire campagne sui social media con una velocità e precisione impareggiabili. Secondo uno studio di HubSpot, l’automazione delle campagne di marketing può aumentare l’efficienza del 30% e ridurre i costi operativi del 20%. 📈

Uno studio di McKinsey rileva che le aziende che utilizzano l’automazione possono migliorare l’efficienza operativa fino al 30%​ (McKinsey & Company)​.

Un esempio concreto: sempre per un nostro Cliente che voleva lanciare una campagna Facebook, io e Marco abbiamo utilizzato un software di AI per analizzare i dati del target, identificare i segmenti di pubblico più interessati, ottimizzare gli annunci in tempo reale, gestire le campagne pubblicitarie. Il risultato? Campagne più efficaci e un risparmio significativo di tempo e risorse.🕒💡💸

Personalizzazione Avanzata

L’AI consente a chi si occupa di marketing di creare esperienze altamente personalizzate per i consumatori. Ti immagini che figata poter inviare al tuo pubblico target email completamente personalizzate, con immagini, prodotti e messaggi pertinenti solo agli interessi da loro dimostrati? Pensa a come questo potrebbe aiutarti nel lavoro e come creerebbe legami, engagement e chiaramente anche conversioni!

SocialPilot riporta che le campagne email personalizzate possono ottenere un tasso di apertura del 29% superiore rispetto alle campagne generiche. Hai presente Amazon? Beh, sappi che utilizza l’AI per suggerire prodotti basati sulla tua cronologia di acquisti e sulle tue ricerche! Immagina di riportare ”il modello Amazon” nel lavoro che fai per te. 🛍️🎯

Limiti dell’AI Marketing

Non è tutto oro quello che luccica! Ci sono anche dei limiti. Due in particolare sono fortemente impattanti: la qualità dei contenuti e il sovraccarico informativo.

Qualità dei Contenuti

Nonostante l’AI possa produrre contenuti in maniera veloce, non esistono infatti garanzie sulla qualità di questi. Strumenti come Chat GPT possono produrre risposte vaghe e generiche se le domande poste, i famosi prompt, non sono abbastanza puntuali e dettagliate.

McKinsey & Company avverte che, senza un intervento umano, la qualità dei contenuti può scendere al di sotto degli standard professionali attesi. È necessario essere puntuali, dettagliati, specifici e attendibili nelle informazioni che indichiamo all’AI e non fare affidamento SOLO su quello che riceviamo come risposta.

Rischio di Sovraccarico di Contenuti

Un’altra criticità dell’AI sta nella sua stessa forza: la capacità generare una grande quantità di contenuti in breve tempo. Questo può portare a un sovraccarico informativo per i consumatori, causando saturazione e rifiuto di approfondire ulteriormente. Immagina di ricevere decine di email al giorno e ogni giorno: alla fine, smetterai di prestare attenzione e cancellerai direttamente le email senza neanche aprirle. HubSpot Blog suggerisce che questo è un rischio reale con un eccesso di contenuti generati dall’AI.

Impatto dell’AI sul SEO

L’avvento di chatbot avanzati come Bing Chat e Google AI-powered search ha cambiato il modo in cui gli utenti interagiscono con i motori di ricerca. Gli utilizzatori di questi software tendono a consultare direttamente il chatbot invece del più classico Google, riducendo il traffico organico verso i siti web.

McKinsey & Company conferma che l’80% degli utenti preferisce risposte dirette da un chatbot piuttosto che cercare informazioni manualmente. Questo fenomeno potrebbe influenzare negativamente le conversioni, soprattutto per i contenuti informativi e di ricerca top-of-funnel.

La SEO classica è morta? Direi proprio di no, ma sicuramente è meglio restare aggiornati su possibili strategie integrate tra SEO tradizionale e Generative Engine Optimization (GEO).

Statistiche Rilevanti

Secondo uno studio del Boston Consulting Group e Harvard, ChatGPT nella sua forma attuale migliora le prestazioni del marketing del 40%, mentre il 94,12% delle volte, i contenuti creati da umani superano quelli generati dall’AI in termini di posizionamento sui motori di ricerca. Queste statistiche sottolineano l’importanza di un approccio ibrido, in cui l’AI e l’intervento umano lavorano insieme per ottenere i migliori risultati possibili.

Come Iniziare con l’AI Marketing

E adesso che ne sai un po’ di più sull’AI marketing, ecco alcuni passaggi pratici per integrarla nelle tue strategie di marketing.

  1. Keyword Research
    • Utilizza strumenti di AI per identificare le parole chiave più rilevanti per il settore specifico. Questo ti permetterà di creare contenuti mirati e migliorare il posizionamento sui motori di ricerca.
  2. Creazione di Contenuti
    • Chiedi una mano al tuo assistente AI per scrivere contenuti. Ricorda sempre di rivedere e modificare questi contenuti per garantire che siano attendibili e congrui al tono di voce del tuo brand. Io e Marco abbiamo fatto così per alcuni blog post, concentrandoci sulla revisione e ottimizzazione dei contenuti.
  3. Ottimizzazione degli Annunci
    • Usa l’AI per generare varianti di annunci pubblicitari e testare quali ottengono le migliori performance. Ad esempio, puoi testare diverse versioni di un annuncio su Facebook per vedere quale ottiene il miglior tasso di conversione. Per un cliente, grazie all’AI, abbiamo testato e ottimizzato costantemente le varianti degli annunci, massimizzando il ROI.
  4. Analisi dei Dati
    • Utilizza l’AI per analizzare le performance delle campagne di marketing e ottenere insight dettagliati. Strumenti come Google Analytics, potenziati con intelligenza artificiale, possono analizzare grandi volumi di dati rapidamente, evidenziando pattern e tendenze che potrebbero sfuggire a un’analisi manuale. Io e Marco, ad esempio, abbiamo utilizzato l’AI per capire il comportamento degli utenti all’interno di uno shop online, scoprendo quali campagne di marketing portavano le maggiori conversioni.

Esempi Pratici di AI Marketing

Coca-Cola Coca-Cola utilizza strumenti di intelligenza artificiale per personalizzare le sue campagne pubblicitarie e analizzare i dati dei social media. L’AI aiuta a ottimizzare le strategie di marketing, migliorando l’engagement e le vendite. Un esempio specifico di applicazione AI da parte di Coca-Cola riguarda l’uso di distributori automatici intelligenti che offrono mix di bevande personalizzati, migliorando così l’interazione con i clienti e aumentando la loro soddisfazione​ (AI Entrepreneur)​​ (Boston Consulting Group)​.

Sephora Sephora ha implementato chatbot per fornire consigli personalizzati sui prodotti, migliorando l’esperienza d’acquisto e aumentando la soddisfazione dei clienti del 50%. Inoltre, questa strategia ha portato a un incremento del 15% nelle vendite online. Il programma di personalizzazione di Sephora, che include il chatbot e l’integrazione dei dati dei clienti nei negozi fisici e online, è stato determinante per questi risultati​ (McKinsey & Company)​​ (UMNI)​.

BMW BMW utilizza l’AI per analizzare i dati delle campagne pubblicitarie e ottimizzare gli annunci in tempo reale. Questo ha portato a un aumento del 30% nel tasso di conversione e a una riduzione del 25% nei costi pubblicitari. La capacità di adattare le strategie pubblicitarie basate su dati in tempo reale permette a BMW di massimizzare il ritorno sull’investimento delle sue campagne digitali​ (Boston Consulting Group)​.

Netflix Netflix è noto per il suo sistema di raccomandazione basato su algoritmi di intelligenza artificiale che suggeriscono contenuti personalizzati per gli utenti. Questo sistema ha aumentato l’80% del tempo medio di visione per utente e ridotto significativamente il tasso di abbandono degli abbonati. L’AI di Netflix analizza il comportamento di visione degli utenti per fornire suggerimenti altamente pertinenti, migliorando l’esperienza complessiva degli utenti e mantenendo alta la loro fedeltà​ (AI Entrepreneur)​​ (MarketSplash)​.

H&M H&M utilizza un sistema di AI per prevedere la domanda dei prodotti, ottimizzare gli ordini di rifornimento e ridurre le eccedenze di magazzino del 20%. Questo sistema AI aiuta a gestire l’inventario in modo più efficiente, assicurando che i prodotti siano disponibili quando richiesti e minimizzando le perdite dovute a stock eccessivi​ (Boston Consulting Group)​.

    Futuro dell’AI Marketing

    Con queste premesse, il futuro dell’AI Marketing appare promettente, con continui miglioramenti tecnologici che renderanno l’AI sempre più integrata nelle strategie di marketing. L’intelligenza artificiale sarà una risorsa preziosa e il trascorrere del tempo non potrà che migliorare questi strumenti. Tuttavia, è essenziale mantenere un equilibrio tra automazione e intervento umano per garantire qualità e rilevanza dei contenuti.

    Vuoi rimanere al passo con le ultime tendenze nel marketing digitale? Continua a seguire il nostro blog e iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti settimanali su come l’AI può rivoluzionare il tuo approccio al marketing. Insieme, possiamo navigare verso un futuro più intelligente e connesso.

    Laureata in Scienze della Comunicazione, e da oltre 16 anni lavoro nel marketing e nel digital marketing.
    Appassionata di scrittura, sin da bambina, e di SEO, da grande, ho fatto della mia passione e della mia curiosità per il mondo delle parole e dei motori di ricerca un lavoro, che svolgo costantemente con estrema professionalità e gratitudine verso i Clienti che ogni giorno seguo per progetti di SEO Copywriting.
    Per loro curo articoli, blog e rubriche sposando le tecniche di scrittura più efficaci con le strategie della SEO, rendendo i contenuti appetibili per il lettore e per Google.

    Torna in alto